Pubblicato da: Willo | 26 maggio 2013

Italia 2013, la spirale

Ieri, durante un’assemblea politica a cui ero stato invitato, a un certo punto si è alzato l’unico under 35 presente, credo.

Ha spiegato, fra l’altro, che suo padre – licenza media – fa da sempre l’artigiano. Lui invece si è diplomato, laureato e poi ha preso un master.

Il risultato è che non solo suo padre ha sempre guadagnato molto più di lui, ma che tutto lascia pensare come anche in futuro lui resterà molto più povero del papà.

Ecco, questo mi pare il ritratto più vivido ed emblematico del famoso declino italiano e dell’altrettanto famoso scontro generazionale: non solo i figli sono più poveri dei genitori, ma lo sono avendo un titolo di studio più alto, per il quale presumibilmente i genitori hanno (inutilmente) investito.

Da questa case history, temo non isolata, si deduce infatti che:

1. siamo un Paese in cui l’istruzione non paga.
2. al contrario di quanto avvenuto per un secolo, la generazione successiva ha meno possibilità di quella che l’ha preceduta.
3. le due cose messe insieme portano direttamente alla completa perdita di speranza da parte dei nuovi adulti e a una società tendenzialmente sempre meno istruita, cioè destinata all’involuzione, quindi a creare sempre meno speranze: in una spirale viziosa che se non viene invertita porta dritti al fallimento economico, sociale e civile.

da Piovono rane – Blog – L'espresso

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: